Italiano English
Pubblimarket 2

Un Bocòn de Oro, cultura e cucina fra i casoni di Grado

Domenica 6 settembre 2009 Grado ospiterà la prima edizione dell’evento “Un bocòn de oro”, nato da un progetto dell’Agenzia TurismoFVG in collaborazione con il comune di Grado e l’associazione “Graisani de palù” per la valorizzazione e la promozione della cultura enogastronomica della laguna gradese.

06.09.2009

Domenica 6 settembre 2009 Grado ospiterà la prima edizione dell’evento “Un bocòn de oro”, nato da un progetto dell’Agenzia TurismoFVG in collaborazione con il comune di Grado e l’associazione “Graisani de palù” per la valorizzazione e la promozione della laguna di Grado che per un giorno aprirà le porte al fine di diffondere storia, cultura, tradizioni e gastronomia attraverso un programma ricco di proposte culinarie, mostre, intrattenimenti ed escursioni.

La laguna è un territorio unico dal punto di vista paesaggistico e naturalistico, un ecosistema che i gradesi e i maranesi rispettano e custodiscono gelosamente da secoli. La laguna di Grado, con una superficie di 90 chilometri quadrati, si estende, tra canali, riserve naturali e valli da pesca, da Fossalon di Grado fino all’Isola dell’Anfora, all’altezza dei fiumi Ausa e Corno, dove ha inizio la laguna di Marano. L’elemento più rappresentativo della laguna è senza dubbio il casone, in passato utilizzato dai pescatori e oggi luogo di vacanza o di svago rimasto immutato nel tempo grazie alla passione e alla tenacia di alcuni gradesi. È proprio grazie ad alcune persone e associazioni volontarie come “Graisani de palù”, che i casoni sono più che mai vivi e sono diventati negli anni meta d’innumerevoli personaggi famosi che vogliono, almeno per un giorno, tuffarsi in un luogo magico e poetico dove il tempo sembra essersi fermato.

È questo lo spirito con cui TurismoFVG, il comune di Grado e l’associazione “Graisani de palù” hanno organizzato l’evento “Un bocòn de oro”. Il programma prevede partenze dalle ore 10 dal Molo Torpediniere verso l’isola della Ravaiarina che rappresenterà il fulcro dell’evento; chi arriva in auto può parcheggiare nell’area della Sacca e raggiungere il molo con una navetta gratuita in servizio tutto il giorno. Sull’isola della Ravaiarina saranno presenti un ristorante e diversi chioschi dove sarà possibile degustare piatti tipici lagunari e i vini dei consorzi DOC regionali, oltre alla “Cooperativa pescatori Grado”, l’Associazione Vallicoltori di Grado e Marano e l’organizzazione produttori ”I Fasolari” con i loro prodotti freschissimi. Sono previste, inoltre, un assaggio della collezione privata di Enrico Menesini manifesti del cinema dedicati al mare, un’area wellness curata dalla Git di Grado, un’area dedicata ai bambini con giochi e intrattenimenti e dei laboratori tematici di degustazione.

Dall’isola della Ravaiarina, inoltre, saranno organizzate le partenze delle imbarcazioni per le numerose escursioni organizzate. Sarà possibile, infatti, visitare quattro casoni tipici della laguna (Casone “F.lli Cesare e Licinio Polo”, Casone “San Marco del Prof. Aldo Marocco”, Casone “Witige Gaddi”, Casone “Fratelli Gianni e Dario Olivotto”) su ognuno dei quali saranno presenti, oltre ai proprietari, uno chef e un produttore di vino che proporranno la degustazione di un piatto tipico della laguna e di un calice di vino in abbinamento. L’assaggio sarà allietato da musiche tipiche e mostre di artisti gradesi.

Per chi, invece, volesse cogliere l’occasione per esplorare la flora e la fauna della laguna navigando tra i canali e le mote, ogni ora ci sarà un’imbarcazione che, sempre con partenza dall’isola della Ravaiarina, effettuerà un giro panoramico con a bordo una guida turistica che spiegherà le caratteristiche della zona e una degustazione di prosciutto di San Daniele e di formaggio Montasio in abbinamento ai vini DOC della regione.Sarà possibile rientrare a Grado in qualsiasi momento, grazie al servizio continuo di andata e ritorno dall’isola previsto fino alle ore 22.

Nella conferenza stampa di presentazione dell’evento organizzata sull’Isola della Ravaiarina in data odierna sono stati illustrati gli aspetti culturali ed enogastronomici del progetto, esposti in dettaglio da Michelangelo Boem, responsabile dell’Area Agroalimentare di TurismoFVG. “Ringrazio tutti, in particolare il vicepresidente della Regione, il responsabile dell’Area Enogastronomica di TurismoFVG e l’associazione “Graisani de palù” per aver dato vita a questa speciale manifestazione” – dichiara Silvana Olivotto, sindaco di Grado. “Ritengo che “Un bocòn de oro” rappresenti un’iniziativa unica nel suo genere che ci auguriamo essere la prima di una lunga serie. Il pubblico dell’Isola del sole, che ricerca un turismo di qualità e di nicchia, potrà apprezzare le particolarità enogastronomiche e non solo che caratterizzano la nostra laguna”.
“Questo evento – dichiara il vicepresidente regionale Luca Ciriani – è un’occasione importante per i turisti ma anche per i cittadini della regione di conoscere la tradizione e la cultura gastronomica di un patrimonio naturale unico come la laguna di Grado che verrà, in questo modo, valorizzato anche da un punto di vista turistico. Grado è infatti una delle località più importanti a livello regionale dal punto di vista della qualità garantita agli ospiti”.
L’Agenzia TurismoFVG si è occupata, a costo zero, delle attività logistiche e di taglio turistico dell’evento mentre il comune di Grado e l’associazione “Graisani de palù” hanno organizzato e allestito la parte enogastronomica dell’iniziativa.
Il costo del biglietto è di 30,00 euro per gli adulti e di 15,00 euro per i bambini fino i 12 anni; nel costo sono comprese le degustazioni, la visita ai quattro casoni, il giro panoramico in laguna con guida turistica e degustazione e il taxi boat dal molo di Grado all’isola della Ravaiarina. Per le prenotazioni basterà rivolgersi all’Infopoint TurismoFVG di Grado al numero di telefono 0431 877111 o all’indirizzo e-mail info.grado@turismo.fvg.it.